Arte audizione


home
curriculum
contatti
Registrazioni Canzoni Napoletane

 Il rigoletto - Duca di Mantova Rigoletto
Duca di Mantova

 

Studi

Gennaro Sica, tenore napoletano, si diploma in canto al Liceo Musicale “U.Giordano” di Foggia e prosegue gli studi col baritono Carlo Tagliabue e il tenore Ernst Haefliger. Frequenta  i Corsi di Arte Vocale da Concerto diretti da Giorgio Favaretto presso l’Accademia di S. Cecilia di Roma e l’Accademia Chigiana  di Siena.

Concorsi

In Italia vince il Concorso Beniamino Gigli di Macerata e il Concorso del Teatro Lirico Sperimentale A. Belli  di Spoleto.

In Germania ottiene il 3° premio al Musikwettbewerb des Bayeririschen Rundfunks di Monaco di Baviera, in Francia il 2°premio al Concours International de Chant di Toulouse, in Spagna  il 1° premio al Concurso Internacional de Canto “F.Viňas” di Barcellona.

 

   
 
CURRICULUM
PDF

Attività Artistica

A dieci anni canta nel Coro le Messe di Lorenzo Perosi, nei saggi scolastici “Vissi d’arte” e “Casta diva” e annuncia di voler diventare un cantante. Inizia la carriera artistica nel 1960.
Subito dopo il debutto nel ruolo del mozartiano Ferrando (“Non si può, sinceramente, non rimanere impressionati dalla duttilità e dolcezza di timbro della voce di Gennaro Sica che già ricorda uno Schipa dei tempi migliori” La Nazione-8/9/1963), canta al Festival dei due Mondi, alla Pergola di Firenze, al Teatro Comunale di Genova, al Teatro La Fenice di Venezia, alla Piccola Scala, alternandosi con Luigi Alva, e per il Teatro alla Scala (Requiem di Mozart con Renata Scotto diretto da Claudio Abbado).
Grande esperienza e maturità artistica acquisisce in Germania dove a seguito dell’esordio nei ruoli di Tamino (Die Zauberflöte) e Don Ottavio (Don Giovanni), viene scritturato come Erster   lyrischer Tenor e canta per molti anni i ruoli principali più diversi del vario e vasto repertorio di tenore lirico-leggero e tenore lirico.
Al Teatro di San Carlo di Napoli dopo l’Almaviva rossiniano è tra i protagonisti, assieme a Daniela Dessì, della strepitosa edizione del Flaminio di G.B. Pergolesi realizzata da Marcello Panni e Roberto De Simone e rappresentata anche alla Biennale di Venezia, al Festival dei Due Mondi di Atlanta, a Versailles, a Dresden e quindi incisa dalla Fonit Cetra.
Al Teatro alla Scala Claudio Abbado gli affida i ruoli di Lindoro (L’Italiana in Algeri) e Don Ramiro (Cenerentola); quest’ultima portata anche in tournée al Bolschoi, al Covent Garden e a Washington D.C.. Sempre al Teatro alla Scala canta nell’Oedipus Rex di I.Stravinskij, ne Le nozze di Figaro di W.A.Mozart e nella Soročinskaja Jamarka di M.Musorgskij dirette rispettivamente da Claudio Abbado, Riccardo Muti e Riccardo Chailly.
La lunga permanenza in Germania e lo studio accurato della lingua tedesca gli offrono l’occasione di affrontare il repertorio dei Lieder, degli Oratori e dell’operetta classica viennese.
Alterna i concerti liederistici e programmi dedicati all’operetta classica e alla canzone napoletana d’autore alla cui ricerca, come congeniale alle sua origini partenopee, si dedica con passione. Recentemente ha eseguito un programma di canzoni inedite del grande attore napoletano Totò (alias Antonio De Curtis e un originale pot-pourri dal titolo Le origini della canzone napoletana con musiche di G.B.Pergolesi, D.Cimarosa, G.Paisiello, F.P.Tosti, E.De Curtis, S.Gambardella, E. Di Capua. Questo concerto ha ottenuto unanimi consensi anche all’estero
(“Gennaro Sica si è affermato con un timbro raffinato e un seducente smalto tenorile”-Wiesbadener Kurier-3/3/2009).


Teatro della scala - Il matrimonio segreto - Paolino
La vedova allegra
Camille de Rossillon
Arlecchino

 

Repertorio

Canta in cinque lingue e ha collezionato innumerevoli ruoli di opere, operette classiche viennesi, Lieder, Oratori e canzoni.
Ruoli favoriti: Tamino (Die Zauberflöte), Lindoro(L’Italiana in Algeri) Comte Ory, Tonio ( La fille du regiment), Nemorino (L’elisir d’amore), Chapelou( Le postillon de Lonjumeau), Fra’ Diavolo, Elvino, (La sonnambula), Duca di Mantova (Rigoletto),Alfredo (La Traviata), Fenton (Falstaff), Lyonel (Martha), Rodolfo (La Bohème), Lenskij (Eugenio Onegin), Mime (Das Rheingold e Siegfried), Pygmalion (Die schöne Galathee), Eisenstein (Die Fledermaus).

 

Iniziative

Con la collaborazione di musicologi, musicisti e cantanti ha promosso un’istituzione musicale autonoma, “Centro Attività Musicali” e curato edizioni, riadattamenti e realizzazioni sceniche di drammi, opere e intermezzi del ‘700 napoletano: Guglielmo d’Aquitania di G.B. Pergolesi per la stagione concertistica di Frankfurt am Main; Flacco e Servilia di L.Vinci, Eurilla e Beltramme di D.Sarro al Festival di Musica Napoletana del ‘700 a Napoli; Fra’ Donato di A. Sacchini al Festival Internazionale di Wiltz-Lussemburgo; il “pastiche” Il Maestro di Musica, attribuito a G.B. Pergolesi a Wiltz, Napoli e Firenze. Ha interpretato la prima rappresentazione assoluta di Nell’attesa di R.Becheri, opera di micro teatro contemporaneo.

Per offrire ai cantanti lirici la possibilità di approfondire l’interpretazione scenico-vocale dei personaggi, ha promosso stage di avviamento all’opera che si sono conclusi con la rappresentazione de Il Barbiere di Siviglia di Paisiello, La Serva Padrona di G.B. Pergolesi  e Erighetta e Don Chilone di L.Vinci.

 

 

 

 

 

Il maestro di Musica
"Il Maestro di Musica"
Lamberto

 


Il Pipistrello
Eisenstein

   

Regia

Ha curato la regia di Cavalleria Rusticana di P. Mascagni, Rita di G.Donizetti, Il telefono di  G.C.Menotti, Il Segreto di Susanna di E.Wolf-Ferrari, La zingara di R.Da Capua, L’uccellatrice di N.Jommelli, Prima la musica poi le parole  e l’Arlecchinata di A.Salieri, Il pipistrello di J.Strauss.

 

Attività didattica

Per molti anni docente di Arte Scenica al Conservatorio Statale di Musica “L.Cherubini” di Firenze ha curato la realizzazione di opere non solo di repertorio, ma anche di minore notorietà, di L.Vinci, G.B.Pergolesi, A.Salieri, G.Tritto, E.Humperdinck e K. Weill.
Ha istituito i Corsi di Ortoepia, Recitazione e Declamazione per cantanti lirici.
Si è adoprato perché il Conservatorio collaborasse con il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino  e  con l’Accademia di Belle Arti di Firenze: tale collaborazione ha reso possibile la rappresentazione con scene e costumi al Piccolo Teatro de La prova di un’opera seria di F.Gnecco e dell’operetta Il Finanziere e il Ciabattino di J. Offenbach  interpretate dagli allievi della classe di Arte Scenica.

 
   
 

Università degli Studi di Bologna Alma Mater Studiorum

Convinto sostenitore della necessità di approfondire le conoscenze scientifiche che favoriscono sia la comprensione teorica del canto che l’applicazione pratica della voce, ha frequentato nell’anno Accademico 2005/2006 il Corso di Formazione in Vocologia Artistica diretto dal Prof. Dott. Franco Fussi, specialista in Foniatria e Otorinolaringoiatria, presso l’Università di Bologna. La tesi  Studio del canto: lezioni di ‘ecologia’ vocale (“Tesi molto bella e ponderata in linea con la sapiente tradizione del bel canto” - Prof. Dott. Franco Fussi) è stata pubblicata su La voce del cantante, volume quinto, Omega Edizioni,  Bologna 2009 .(cfr   Studio del canto: lezioni di ‘ecologia’ vocale)

Il pipistrello
     
    Liricamente

 

     
 
Tutto il materiale in questo sito è di proprietà di Gennaro Sica CF SCGRTH34P450246R. Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e delle convenzioni internazionali. E' vietata la riproduzione anche parziale del contenuto di questo sito. Nomi e marchi citati nel testo sono depositati o registrati dalle rispettive case produttrici. powered by Media Meeting